28 Gen
2020

Lavoro a domicilio negli istituti di pena

INL - nota n. 596 del 23 gennaio 2020,

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha emanato la nota n. 596 del 23 gennaio 2020, con la quale, in risposta ad un quesito dell’Ispettorato territoriale del Lavoro di Padova, fornisce alcuni principi concernenti il lavoro a domicilio negli istituti di pena.

Questa la risposta dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro:

Va premesso che nel nostro ordinamento l’occupazione lavorativa dei detenuti costituisce un elemento di carattere obbligatorio del trattamento rieducativo che non può comportare un inasprimento della pena (cfr. artt. 15 e 21 L. n. 354/1975).

L’art. 47 del D.P.R. n. 230/2000 (Regolamento recante norme sull’ordinamento penitenziario e sulle misure privative e limitative della libertà) stabilisce che il lavoro svolto dai detenuti, sia all’interno che all’esterno dell’Istituto, può essere organizzato e gestito dalle Direzioni degli Istituti stessi oppure “da imprese pubbliche e private, e in particolare, in particolare, da imprese cooperative sociali, in locali concessi in comodato dalle
Direzioni”.

L’attività lavorativa può quindi svolgersi anche in locali concessi in comodato d’uso dall’Istituto che diventano a pieno titolo locali dell’azienda, fatta salva la possibilità del libero accesso da parte della Direzione per motivi inerenti la sicurezza dell’Istituto.

Gli obblighi gravanti su azienda ed Istituto vengono definiti con apposita convenzione. L’azienda, in particolare, assume gli obblighi inerenti la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori nonché la corresponsione della retribuzione, l’adempimento degli oneri previdenziali ed assicurativi  sulla base della tipologia contrattuale prescelta.

Con riferimento all’ammissibilità del lavoro a domicilio non sembrano sussistere, in termini generali, preclusioni normative atteso che, al contrario,  tale tipologia di lavoro risulta espressamente richiamata dall’art. 47, comma 10, e dall’art. 52 del citato D.P.R. n. 230/2000, nonché dall’art. 19,  comma 7, Legge n. 56/1987, sempreché siano rispettate le modalità di cui all’art. 51 del medesimo Regolamento.

È tuttavia necessario che le attività lavorative svolte siano ontologicamente compatibili con le specificità della disciplina del lavoro a domicilio. A tale riguardo, quindi, la verifica dell’organo di vigilanza deve essere effettuata secondo i medesimi criteri di valutazione adottati per le attività lavorative svolte presso il domicilio privato, a prescindere dalla contingente condizione di detenzione.

Fonte: Ispettorato Nazionale del Lavoro

FORMAZIONE E WEBINAR
CORSI AREA SERVIZI ALLA PERSONA
Quesiti e pareri
Area servizi alla persona
Servizio quesiti per dipendenti enti locali
02 Dicembre 2019
OGGETTO: Validità Isee corrente
questa mattina è venuto un utente con un isee corrente appena fatto (con scadenza semestrale). Quando abbiamo provato ad... Continua
Servizio quesiti per dipendenti enti locali
29 Novembre 2019
OGGETTO: Isee per prestazione agevolate rivolte a minorenni. Quando manca il padre
A volte riceviamo dai cittadini un Isee ordinario per prestazioni a favore del loro figlio minore dove uno dei genitori non... Continua
Servizio quesiti per dipendenti enti locali
19 Novembre 2019
OGGETTO: Invio al casellario
- contributi affido familiare minori: il contributo va caricato all'inps a nome del minore, quindi compilando anche la scheda... Continua
Servizio quesiti per dipendenti enti locali
14 Novembre 2019
OGGETTO: spese di rappresentanza
Mi può indicare esattamente il riferimento normativo da cui discende l'inammissibilità delle spese di... Continua
Servizio quesiti per dipendenti enti locali
14 Novembre 2019
OGGETTO: assoggettabilità contributi a ritenuta d'acconto IRES 4% ai sensi art. 28 c. 2 DPR 600/73
In riferimento all'oggetto, il contributo erogato in favore di un ente non commerciale che tuttavia svolga occasionalmente o... Continua