Area urbanistica

Il vincolo imposto sulle aree site nella fascia di rispetto stradale o autostradale è di inedificabilità assoluta

Secondo la giurisprudenza amministrativa, il vincolo imposto sulle aree site nella fascia di rispetto stradale o autostradale è di inedificabilità assoluta, traducendosi in un divieto assoluto di costruire che rende inedificabili le aree site nella fascia di rispetto, indipendentemente dalle caratteristiche dell’opera realizzata e dalla necessità di accertamento in concreto dei connessi rischi per la circolazione stradale. Il vincolo derivante dalla fascia di rispetto si traduce in un divieto di edificazione che rende le aree medesime legalmente inedificabili, trattandosi di vincolo di inedificabilità che è sancito nell'interesse pubblico da apposite leggi - art. 41septies L. n. 1150 del 1942 aggiunto dall'art. 19 della L. n. 765 del 1967; art. 9 L. n. 729 del 1961 - e dai relativi regolamenti di attuazione - D.M. 1 aprile 1968 (Cons. Stato, Sez. IV, 13 giugno 2017, n. 2878).
Leggi tutto

Il rigetto delle osservazioni deve essere assistito da una motivazione che sia congrua rispetto agli elementi di fatto e di diritto posti alla base delle osservazioni stesse e che abbia tenuto presente il loro apporto critico e collaborativo in comparazione con gli interessi pubblici coinvolti in vista dell’adozione di soluzioni urbanistiche, oltre che legittime, anche opportune e razionali

Secondo un condivisibile orientamento giurisprudenziale, le osservazioni presentate dai privati nei confronti di un piano regolatore in itinere sono finalizzate a consentire che il punto di vista del soggetto potenzialmente leso assuma rilevanza e venga adeguatamente considerato, in modo che l’Amministrazione si determini correttamente e compiutamente in omaggio ai principi di imparzialità e di buon andamento (art. 97 Cost.) che devono presiedere all’esercizio dell’azione amministrativa.
Leggi tutto

In assenza di un frazionamento di un terreno e in presenza, per contro, di un accorpamento di piccoli lotti non può ritenersi, in mancanza di altri gravi, certi e concordanti elementi indiziari, la sussistenza di una lottizzazione “cartolare”

La lottizzazione cartolare abusiva si configura qualora la trasformazione urbanistico-edilizia venga predisposta attraverso il frazionamento e la vendita, o mediante atti equivalenti, del terreno in lotti che, per le loro caratteristiche – quali la dimensione in relazione alla natura del terreno e alla sua destinazione secondo gli strumenti urbanistici, il numero, l’ubicazione o la eventuale previsione di opere di urbanizzazione ed in rapporto ad elementi riferiti agli acquirenti – denuncino in modo non equivoco la destinazione a scopo edificatorio.
Leggi tutto

Una pavimentazione di 14.000 mq. destinata a parcheggio non può essere realizzata nella fascia di rispetto cimiteriale

In materia di vincolo cimiteriale, la salvaguardia del rispetto dei 200 metri prevista dalla disposizione in commento, ponendosi alla stregua di un vincolo assoluto di inedificabilità, è tale da imporsi anche rispetto a contrastanti previsioni della strumentazione urbanistica comunale, è valevole per qualsiasi manufatto avente anche uso diverso da quello di abitazione
Leggi tutto

Il potere pianificatorio è connotato da ampia discrezionalità

L’ampia discrezionalità di cui dispone l’Amministrazione nella pianificazione –che, peraltro, incide anche in ordine alla minor pregnanza del generale obbligo di motivazione– implica che le scelte di pianificazione sono soggette al sindacato di legittimità del giudice amministrativo solo nei limiti della verifica della loro manifesta irragionevolezza, illogicità ovvero arbitrarietà e senza poter procedere ad un esame del merito della scelta pianificatoria
Leggi tutto

Nel caso della lottizzazione abusiva, la sanzione dell’acquisizione al patrimonio comunale dell’area opera anche nei confronti del proprietario attuale in buona fede

Nel caso della lottizzazione abusiva, un orientamento giurisprudenziale minoritario ha ricordato come l'art. 30 del D.P.R. n. 380 del 2001, nel prevedere l'acquisizione del bene al patrimonio pubblico, quale conseguenza amministrativa dell'accertata lottizzazione, secondo le scansioni temporali declinate dal comma 7, contempli una misura sanzionatoria sostanzialmente equiparata alla confisca
Leggi tutto

Le osservazioni dei privati costituiscono un mero apporto collaborativo alla formazione degli strumenti urbanistici e non danno luogo a peculiari aspettative

Le scelte discrezionali operate nell'esercizio della funzione urbanistica di pianificazione del territorio in ordine alle singole destinazioni di zona del piano di governo del territorio sono sindacabili in sede di legittimità solo ove risultino inficiate da evidenti errori di fatto o da vizi di manifesta illogicità o contraddittorietà
Leggi tutto

Quesiti e pareri
Area Patrimonio
Servizio quesiti per dipendenti enti locali
25 Giugno 2020
OGGETTO: Silenzio assenso art. 146 DLGS 42/2004
In riferimento ai commi 8 e 9 dell'art. 146 del DLGS 42/2004, nel caso la soprintendenza non esprima parere nei 45 gg, si chiede:... Continua
Servizio quesiti per dipendenti enti locali
18 Giugno 2020
OGGETTO: Validità dei programmi annuali
La L.R. 30/2000 della Regione Emilia Romagna prevede la presentazione del "programma annuale delle installazioni fisse da..." Continua
Servizio quesiti per dipendenti enti locali
18 Giugno 2020
OGGETTO: Alleanza italiana STOP 5G
La sedicente "alleanza italiana stop 5G" ha scritto al Comune chiedendo una moratoria sull'installazione delle antenne 5G... Continua
Servizio quesiti per dipendenti enti locali
15 Giugno 2020
OGGETTO: Modifiche con potenziamento di impianti esistenti in zone di installazione condizionata
È pervenuta al ns. ente, da parte di un operatore di rete, una S.C.I.A. per la modifica delle caratteristiche di un... Continua
Servizio quesiti per dipendenti enti locali
28 Ottobre 2019
OGGETTO: Trasferimento di beni immobili tra enti pubblici
Vi chiedo se è legittimo che un ente, che viene trasformato ex lege in un nuovo ente, modificando i propri CF e P.IVA... Continua